Drop SS21 Universe : -50% di sconto fino ad esaurimento scorte!

0

Il tuo cestino è vuoto

L Histoire du Streetwear A Harajuku
gennaio 18, 2021

La storia dello streetwear ad Harajuku

5 minuti di lettura

Una passeggiata a Harajuku. Probabilmente la strada più eccitante al mondo per gli amanti della moda. Tutti gli stili che puoi immaginare sono presenti e totalmente assunti. Ad Harajuku, la moda è davvero pensata per essere vista per strada. Dimentica le passerelle, è qui che osservi le ultime tendenze. Dimentica i libri di storia, è qui che impari a conoscere la cultura pop giapponese. Benvenuto nell'affascinante mondo dello streetwear giapponese con questo articolo:

La storia dello streetwear ad Harajuku.


Prime osservazioni sulla moda giapponese

styliste mode japonaise

Per alcuni, vestirsi può sembrare un semplice hobby, ma sappiamo che è più di questo. Come disse una volta Jean Cocteau, il famoso scrittore francese: "lo stile è un modo semplice di dire cose complicate". Cioè, ci saranno sempre ragioni sociali e politiche che alimenteranno determinate tendenze. Considerando la diversità dello streetwear giapponese, ciò deve significare che c'è molto da scavare!

Come esattamente Harajuku è diventata nota a così tante persone come la capitale mondiale della moda? Fino agli anni '40, il kimono e altri abiti tradizionali erano ancora la moda dominante in Giappone. Fu con l'arrivo dei soldati americani che l'abbigliamento occidentale fu introdotto in Giappone attraverso dischi, riviste e denim venduti alla gente del posto. La moda delle riviste e della musica era più rilassata di quella dei giapponesi, che attirava l'attenzione dei giovani.


L'influenza degli anni '80 sullo streetwear giapponese

skateur japonais

A metà degli anni '80, le tendenze della moda provenivano dai generi musicali: hip-hop ha portato abiti larghi (oversize con collezioni di abbigliamento maschile e femminile di maglioni, giacche, jeans, costumi da bagno, camicie comode, ecc.) mentre la coltivazione degli idoli ispirava mode audaci. Pur non essendo radicato nella musica, lo stile di moda più noto da esportare fuori dal Giappone uscirà anche dagli anni '80: Kawaii.

Riviste come "Olive" hanno mostrato i colori pastello e le emozioni dell'era vittoriana, aprendo la strada a stili di moda come quello dell'icona Lolita. Shibuya è diventata la principale scena della moda a Tokyo, con la comparsa di boutique di abbigliamento come Shibuya 109 e negozi di seconda mano. I giovani hanno abbracciato a braccia aperte la moda di altre culture, adattandola alla sensibilità giapponese. Fu negli anni '80 che furono poste le basi per la quintessenza dello streetwear giapponese.

Alcune delle influenze occidentali che hanno infranto le norme e cambiato gli stili di vita hanno posto le basi per quello che sarebbe seguito: gli "anni d'oro" dello street style in Giappone. Per un total look giapponese, pochi elementi essenziali erano già in ordine: tuta, stile sportswear (sportswear), pantaloni cropped, maglione girocollo, zip o ricamato, tuta (jogging), sandali, calzini a vista , le t-shirt senza maniche, maniche lunghe, maniche corte, il parka, la polo, la felpa con cappuccio o le sneakers sneakers.


La grande svolta, la moda di strada giapponese negli anni '90

mode grunge streetwear japonais

Negli anni '90, Tokyo si è affermata come hub per streetwear. Gran parte di quella che consideriamo l'unica moda giapponese ha avuto origine in questo periodo. Shibukaji - "Shibuya Casual" - ha cambiato la mentalità delle fashioniste da cosa indossare a come lo indossi attraverso il coordinamento. Per il fascino della moda parigina chic, è stato favorito anche il casual francese, introducendo abiti come il basco, sempre molto in voga.

Ma al contrario, abbiamo assistito all'ascesa del grunge grazie all'estetica di Kurt Cobain che ha messo in mostra l'eclettica gamma di gusti del Giappone. Nel 1993, nei vicoli di Harajuku ebbe luogo un evento rivoluzionario. Il movimento rivoluzionario "Urahara" è nato nelle poche strade dietro Harajuku. Qui, i negozi hanno importato l'estetica hip-hop e punk dall'Occidente, permettendo ai giovani di esplorare la moda straniera. Non solo fiorivano i negozi vintage, ma stavano comparendo molti nuovi marchi per le strade di Harajuku.

Pull Japonais

Il movimento Urahara è diventato noto per la sua androginia street-centrica, con i suoi gioielli in denim, pelle e nativi americani a bizzeffe. Grazie alla sua preponderanza nelle tendenze, Urahara è diventato un precursore dello streetwear giapponese che conosciamo oggi. A differenza delle vibrazioni rilassate delle strade di Harajuku, nelle strade principali sono stati creati stili più sgargianti. Inserisci gli stili Kawaii, Lolita, Gothic Lolita e Cyberpunk. Dalle pazze luci al neon agli adorabili pastelli, questi movimenti visivamente selvaggi hanno sfidato la norma culturale giapponese offrendo una tavolozza di colori vividi che diffondono un potente messaggio di anticonformismo.

Sebbene ogni movimento sia molto diverso dagli altri in termini di origine e stile, queste distinte modalità condividevano temi comuni come l'assemblaggio e il sovraccarico visivo. Le esibizioni in Occidente con celebrità occidentali hanno portato alla realizzazione che lo stile giapponese era unidimensionale, tutto pop, tutto carino, tutto Hello Kitty. Questa immagine senza soluzione di continuità della moda giapponese era lontana dalla verità.

In effetti, la moda degli anni '90 era all'apice della sua diversità. Il Giappone ha definito cosa significasse essere all'avanguardia della moda, e la sperimentazione era fondamentale e giustapposta alla cultura americana. In confronto, la moda americana sembrava superata. Un tratto che in seguito sarebbe diventato caratteristico della moda di strada giapponese era che lo stile di vita di un individuo era importante quanto l'estetica, ad esempio sposando lo skateboard con lo stile di abbigliamento dello street skater.


Moda streetwear giapponese degli anni 2000 e oggi

créateur mode streetwear japon

Negli anni 2000, la moda di strada in Giappone ha lasciato il segno attraverso i dettagli disegnati da chi indossa il capo - a differenza di altrove, dove lo stilista regnava ancora come coordinatore principale. L'uscita in negozio era un mix di nuovo, usato e vintage, creando il terreno perfetto per la personalizzazione. Molte delle cose che abbiamo iniziato a vedere negli anni 2000 erano o idee più approfondite che erano emerse negli anni '90 o remix di quegli stili. Ad esempio, abbiamo visto l'emergere di alcuni motivi giapponesi e di alcuni colori: ecru, beige, kaki, blu navy.

Allo stesso modo, gli abiti alla moda si sono evoluti nei loro tagli (sia nella moda femminile che nella moda maschile) con stili skinny, pantaloni slim. Infine, i vestiti e gli accessori nei guardaroba di giovani giapponesi si sono diversificati, con capi basic stampati ready-to-wear come cardigan kimono, un classico guardaroba casual. Un fattore determinante che ha influenzato la direzione dello streetwear in Giappone è stato l'emergere di marchi streetwear occidentali. Infatti, il Giappone sarà presto il paese con il maggior numero di negozi di questo stile al mondo. La popolarità di questi marchi e la richiesta di uno stile orientato allo skateboard ha portato al successo di molti marchi occidentali.

Pantalon Streetwear

D'altro canto, la nascita dei social media ha permesso al mondo di connettersi con l'approccio unico del Giappone allo streetwear, in particolare con influencer e celebrità occidentali che si sono unite. Marche. È stato nel 2008 che lo streetwear ha inevitabilmente colpito il mainstream, con l'arrivo di grandi giganti di strada che si sono stabiliti a Shibuya. Non più parte di una sottocultura, lo streetwear giapponese è ora accessibile a tutti grazie al Fast Fashion: non è mai stato così facile e conveniente essere alla moda.



Capirai, la storia dello streetwear ad Harajuku è ricca e l'evoluzione dello stile di abbigliamento streetwear giapponese va avanti da molti anni. Se desideri saperne di più su questo stile, sentiti libero di visitare Harajuku durante un viaggio in Giappone, per immergerti nella cultura locale. Potrai inoltre attrezzarti con abiti locali rivisitati secondo ogni tipo di influenze straniere, donando uno stile totalmente atipico e ultra fashion, sempre in uno spirito 100% Japan.



Vedi articolo completo

Top 20 des Activites a Faire au Japon en Famille
Top 20 des activités à faire au Japon en famille

gennaio 18, 2022 11 minuti di lettura

Si vous prévoyez de partir au Japon en famille, jetez un œil à ces 20 activités. Vous allez ainsi passer un séjour japonais familial et inoubliable.
Squid Game 7 Animes Jeux et Films Japonais de Meme Genre
Squid Game : 7 animés, jeux et films japonais de même genre

gennaio 14, 2022 6 minuti di lettura

Si vous avez aimé la série Squid Game, découvrez sans plus attendre d'autres animés, jeux vidéos, séries et films japonais sur le thème des jeux de mort.
Petit Guide de Survie Pour Les Monstres Japonais de L Hiver
Petit guide de survie pour les monstres japonais de l'hiver

gennaio 06, 2022 5 minuti di lettura

Si vous désirez voyager au Japon pendant l'hiver, ou simplement vous renseigner sur la culture nippone, découvrez les monstres japonais liés à l'hiver.