Drop SS21 Universe : -50% di sconto fino ad esaurimento scorte!

0

Il tuo cestino è vuoto

L Inspiration Japonaise Dans la Haute Couture Europeenne
luglio 06, 2021

Ispirazione giapponese nell'alta moda europea

7 minuti di lettura

Oggi il moda rappresenta un dialogo interattivo tra culture diverse, ei creatori traggono ispirazione dalle tradizioni e dalle esperienze culturali di altri paesi. Lo stile di ispirazione giapponese nel Haute Couture L'Unione europea è un sorprendente esempio di dialogo interculturale. Per diversi secoli, l'aura di mistero di Giappone attira l'immaginazione e la fantasia creativa degli europei.

Questa passione per il Giappone si cristallizza anche nella moda, Haute Couture Agli abbigliamento streetwear . Ci sono stati diversi periodi in cui la moda europea è stata fortemente influenzata dal Giappone . Questi periodi sono stati sincronizzati con ondate di interesse per le tradizioni, la cultura e l'arte giapponesi.

Allora scopriamo insieme e senza ulteriori indugi Ispirazione giapponese nell'alta moda europea .


Fine del XIX secolo - inizio del XX secolo: Haute Couture europea e arte giapponese

© Envato Elements - Photology75

Per molti secoli il Giappone è stato chiuso al mondo. Fu solo nella seconda metà del XIX secolo che il Giappone riconsiderò la sua posizione sull'apertura al mondo. Il Giappone ha conosciuto l'Europa attraverso mostre internazionali tenute nella Londra del XIX secolo, Parigi e in altre città, e apparve agli europei in una luce esotica e affascinante. Un flusso di artigianato giapponese, stampe, ventagli, porcellane e articoli per la casa attira l'attenzione dei collezionisti e colpisce architetti, designer e artisti. Cultura e arte giapponese erano ammirati e apprezzati non solo per la loro ricchezza ma anche per la loro sintonia con lo spirito del tempo in Europa.

Alla fine del XIX secolo, il Europa coltivava un'immagine romantica e irreale del "pittoresco" Giappone. L'arte giapponese è diventata materia, esempio da seguire e raffinato passatempo per l'alta società intellettuale. Un certo numero di famosi artisti europei dell'epoca, tra cui Édouard Manet, Claude Monet, Henri Toulouse-Lautrec, Vincent Van Gogh, Aubrey Beardsley e James Whistler, si sono ispirati al arte giapponese . Gli artisti europei si meravigliarono del senso giapponese della bellezza, studiarono i principi giapponesi della composizione decorativa, la vicissitudine delle luci e delle ombre, nonché le combinazioni di spazio e macchie di colore. Per i loro dipinti, hanno usato tessuti, artigianato e modelli giapponesi . Naturalmente, questo interesse per il Giappone si è riflesso anche in Europa nella moda e nell'abbigliamento.

Veste Japonaise

il kimono è diventato un capo popolare in casa. I tessuti giapponesi sono stati utilizzati per l'abbigliamento europeo alla moda. Alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX secolo, gli stilisti europei si sono rivolti all'abbigliamento giapponese come fonte di ispirazione. Paul Poiret , il famoso stilista francese (1879-1944), fu il primo a introdurre un'interpretazione del kimono nell'abbigliamento europeo. Il "Kimono Poiret" divenne una tendenza popolare e veniva utilizzato per feste nobili, foto, palcoscenico e pubblicità. Il design del kimono è stato un approccio assolutamente nuovo nel moda europea , perché promuove nuove relazioni tra il corpo umano e l'abbigliamento. Questa idea si svilupperà nei successivi decenni del Novecento.


Dagli anni '60 agli anni '80: estetica giapponese e Haute Couture europea

© Envato Elements - Prostock-studio

Dopo gli anni Cinquanta, l'economia giapponese si riprese dai danni della guerra e iniziò ad esplodere con i più alti tassi di crescita del mondo. Questo periodo di crescita economica reale complessiva, dagli anni '60 agli anni '80, è stato chiamato il "miracolo economico giapponese". Durante questo breve periodo storico, il Giappone è diventato una delle principali nazioni industriali. Questa posizione di leadership di Giappone in tutto il mondo ha suscitato un nuovo interesse per il paese e la cultura giapponese. Negli anni '60 e '80, gli stilisti giapponesi Hanae Mori e Takada Kenzo hanno fatto colpo con collezioni innovative e inaspettate sulle passerelle parigine. Fu l'inizio della "rivoluzione giapponese" nella moda europea dal Haute couture .

Una nuova alta collezione artistica da design giapponese contribuito a questo grande successo in Europa. Le collezioni di Hanae Mori hanno impressionato il pubblico europeo con splendidi abiti colorati. Erano associati ai kimono tradizionali giapponesi. Gli abiti sono realizzati con tessuti giapponesi e decorati con fiori di ciliegio, farfalle e stampe calligrafiche. Nei suoi vestiti, Hanae Mori ha unito creativamente la fragile bellezza dell'arte giapponese e le tradizioni sartoriali europee. Ha usato le linee rette del tradizionale kimono giapponese e i tagli occidentali curvi. Gli abiti di design europeo sono stati impreziositi con motivi di kimono giapponese , tecnologia del colore, tessuti giapponesi e tecniche ornamentali.

Nelle prime raccolte di Takada kenzo , sfilano abiti dai tagli dritti, linee geometriche semplici e silhouette fini. Il designer ha dimostrato cosa fosse di moda nell'abbigliamento tradizionale giapponese. Grazie alle creazioni di Takada Kenzo, lo stile etnico è diventato di moda e ha spinto la Designer europei ispirarsi ad altre culture. A differenza delle delicate collezioni e delle raffinate immagini create da Hanae Mori e Takada Kenzo, i rappresentanti della nuova generazione di famosi designer giapponesi Rei Kawakubo, Yoji Yamamoto, Issei Miyake, Junya Watanabe hanno manifestato nelle loro collezioni un nuovo concetto di abito e hanno portato un concetto di bellezza innovativo nel moda europea .

© Envato Elements - Nejron

Sono stati ispirati dal dialogo interculturale, dalla combinazione di diverse tradizioni, epoche e stili, nonché dal Estetica giapponese , diverso dall'estetica europea. Secondo la cultura giapponese, il corpo umano è comunque considerato bello. Il concetto di "bellezza alternativa" promosso dalle avanguardie di moda giapponese si basava su forme asimmetriche. Si trattava di dimostrare che un corpo può essere bello nonostante tutti i suoi difetti. Con i loro vestiti, hanno dato uno sguardo agli ideali e ai concetti occidentali della moda con argomenti d'avanguardia e decostruttivi. Il Designer giapponesi erano desiderosi di cambiare il senso occidentale del costume come strumento per raggiungere un'idea di bellezza fluida e camaleontica.

Nella loro mente, il fashion design era più che mostrare le forme del corpo. Non creavano forme con abiti ma avvolgevano dolcemente il corpo con abiti secondo le tradizioni giapponesi. Ecco perché è stato possibile creare molti nuovi modi di vestire. L'abbigliamento dovrebbe dare a una persona la libertà di essere se stessa. Il " rivoluzione giapponese "a Parigi ha capovolto il mondo della moda. I designer giapponesi hanno dato nuova vita alla moda europea e hanno inventato una tendenza completamente nuova: la premessa dello streetwear. Hanno portato alcune nuove idee stravaganti che hanno cambiato la concezione della moda europea del 20esimo secolo. Alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, molti Designer europei hanno attivamente preso in prestito e trasformato le brillanti iniziative e le idee innovative dei designer giapponesi.

Kimono Cardigan

A quel tempo, i sei di Anversa (un gruppo di laureati della Royal Academy of Fine Arts di Anversa tra cui Dirk Bikkembergs, Walter Van Beirendonck, Dries Van Noten, Dirk Van Saene, Ann Demeulemeester, Marina Yee) e Martin Margiela erano appassionati del Estetica giapponese di decostruzione e incompletezza. Si sono ribellati al lusso e al glamour nel design della moda e hanno inventato abiti da lavoro etnico chic e dal colletto sporco, uno spirito ascetico e intellettuale di immagini androgine. Con l'asimmetria, gli elementi di decostruzione presi da design giapponese , marginal chic e ironia ridotta ad arte, i designer di Anversa hanno trasformato il fashion design europeo da tendenza di immediato appeal ad arte concettuale.


Fine del XX - inizio del XXI secolo: l'evoluzione parallela della moda europea e della cultura giapponese

© Envato Elements - Shotsstudio

A cavallo del millennio, un particolare settore della cultura popolare comprendente manga, anime, giochi elettronici e street fashion (con oggetti come questo felpa con cappuccio in stile giapponese o questo maglietta oversize ) si è formato in Giappone e si è diffuso all'estero. Così, l'interesse per le tradizioni e l'arte giapponesi, che era un passatempo raffinato per gli intellettuali, viene sostituito dall'interesse per i prodotti di massa giapponesi. Nel frattempo, i couturier europei John Galliano, Jean Paul Gaultier e altri traggono ancora ispirazione dai classici tessuti, colori o ornamenti giapponesi, la semplicità e la bellezza di vestiti tradizionali giapponesi . Nelle loro collezioni, i couturier stilizzano i tessuti giapponesi e li combinano con gli abiti europei.

La collezione affascinante ed elegante" Geisha Couture "(Primavera/Estate 2007) di John Galliano per Christian Dior ha fatto scalpore nel Haute Couture Europea con le sue sagome esotiche e l'accurata decorazione. La collezione è stata presentata in un'ex residenza privata nel cuore di Parigi, fuori dalla vista del pubblico. Un podio era adornato con fiori di ciliegio e minuscole farfalle. Tutto questo crea un'atmosfera esotica e una sintesi impressionante tra Oriente e Occidente. Un'aria raffinata di Versailles e il fascino magico di Giappone medievale sfilato nelle gonne arricciate delle cheesecake, l'arte del gami in combinazione con i corsetti occidentali per disegnare la collezione.

L'armonia complementare dei colori tenui e il raffinato disegno dei fiori e degli uccelli in volo su uno sfondo neutro completavano le immagini. Giorgio Armani ha mostrato il suo personale senso del Giappone con la sua collezione" Omaggio al Giappone "(Autunno 2011, Couture Armani Privé), che unisce l'eleganza francese e la castità in stile giapponese. Le linee delle spalle dritte e chiare hanno ripreso l'intera composizione del costume. La decorazione degli abiti ricorda il stampe giapponesi classico. Gli abiti scuri erano decorati con fiori di ciliegio. Gli abiti bianchi erano adornati da ventagli neri che li rendevano laconici, eleganti e raffinati.

© Envato Elements - Twenty20photos

Ma il Haute Couture L'Europa ha anche reso omaggio alle tendenze della moderna cultura pop giapponese. Ad esempio, lo stilista italiano Riccardo Tisci ha presentato alla Paris Fashion Week una collezione leggera e dissonante ispirata a cartoni animati e manga di fantascienza (Couture Spring 2011, Givenchy) ( Settimana della moda di Parigi ). Gli abiti erano realizzati in tulle trasparente e adornati con pizzi, perle, piume e la tavolozza dei fiori secchi evocava romanticismo e malinconia. Gli accessori, enormi cappelli con ornamenti e stivali sono stati progettati in a estetico giocattoli meccanici e robot.



Se riassumiamo tutto quanto sopra, possiamo concludere che il cultura giapponese ha arricchito i designer europei con nuove idee e nuovi look. Durante il XIX, XX e XXI secolo, ci sono stati diversi periodi in cui la cultura giapponese ha influenzato la moda europea . Alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX secolo, l'Europa stava appena iniziando a familiarizzare con il patrimonio culturale e artistico del Giappone.

A quel tempo, il costume tradizionale giapponese servito come base per interpretazioni artistiche e stilizzazione della moda europea. La "rivoluzione giapponese" nella moda europea degli anni '60 e '80 è servita come base per le tendenze d'avanguardia. A cavallo tra il XX e il XXI secolo, il Giappone attirò ancora una volta l'attenzione di Designer europei . Ma oggi è un interesse per la cultura popolare giapponese che colpisce anche le tendenze del Haute Couture .



Vedi articolo completo

Top 20 des Activites a Faire au Japon en Famille
Top 20 des activités à faire au Japon en famille

gennaio 18, 2022 11 minuti di lettura

Si vous prévoyez de partir au Japon en famille, jetez un œil à ces 20 activités. Vous allez ainsi passer un séjour japonais familial et inoubliable.
Squid Game 7 Animes Jeux et Films Japonais de Meme Genre
Squid Game : 7 animés, jeux et films japonais de même genre

gennaio 14, 2022 6 minuti di lettura

Si vous avez aimé la série Squid Game, découvrez sans plus attendre d'autres animés, jeux vidéos, séries et films japonais sur le thème des jeux de mort.
Petit Guide de Survie Pour Les Monstres Japonais de L Hiver
Petit guide de survie pour les monstres japonais de l'hiver

gennaio 06, 2022 5 minuti di lettura

Si vous désirez voyager au Japon pendant l'hiver, ou simplement vous renseigner sur la culture nippone, découvrez les monstres japonais liés à l'hiver.