Drop SS21 Universe : -50% di sconto fino ad esaurimento scorte!

0

Il tuo cestino è vuoto

La Mode au Japon 3 Createurs Que Vous ne Connaissez Peut Etre Pas
aprile 30, 2021

Moda in Giappone: 3 stilisti che potresti non conoscere

6 minuti di lettura

Se Milano, Parigi e Londra sono le città della moda in Europa, solo una città domina la scena della moda in Asia, ed è Tokyo. Esatto, questo paese non è solo sushi e templi: è una delle principali città della moda al mondo. Il Giappone si distingue in particolare per la sua moda streetwear. Se conosci i principali stilisti giapponesi, dai un'occhiata al nostro articolo:

Moda in Giappone: 3 stilisti che forse non conosci.


La moda in Giappone, una storia di designer

créateur mode japonais

Le pays du soleil levant a contribué à l'industrie de la mode en créant des stylistes révolutionnaires, traditionnels ou contemporains, qui ont tous un point commun : fusionner leur culture locale et la partager avec le monde intero. È grazie a questi leggendari stilisti che il mondo di oggi conosce e apprezza l' 'estetica giapponese. Se hai mai passeggiato per le strade di Tokyo, ti renderai conto che ci sono dozzine di negozi locali che pubblicizzano i loro designer locali. Non c'è dubbio che questa nazione insulare crei icone creative della moda come se respirasse, ma ce ne sono alcune che stanno dominando il mondo della moda in tutto il mondo.

Con un numero impressionante di designer giapponesi, il mondo della moda non si sbaglia. Ma se conosci i più famosi, scopri quali sono forse meno famosi, pur avendo anche talento. Che siano uomini o donne, questi grandi nomi della moda possono competere con i più grandi stilisti di moda (grandi case): Rabanne, Vuitton, Gabbana, Inès De La Fressange, Hermès, Giorgio Armani, Franck Sorbier, Poiret , Mugler, Dior Couture, St Laurent, Rykiel o anche Gaultier. Ogni couturier (stilista e casa di moda) di cui parleremo fa parte della storia della moda, grazie alla propria etichetta.


1) Jun Takahashi

Se hai letto la nostra guida allo streetwear giapponese, probabilmente ti sei già imbattuto in questo nome. Jun Takahashi è il fondatore di uno dei più grandi marchi streetwear giapponesi fino ad oggi, Undercover. Ha lanciato questo marchio nel 1993, mentre ancora studiava al Bunka Fashion College di Tokyo. All'epoca era ben lungi dal sospettare che il suo piccolo marchio sarebbe decollato nel 21° secolo. Takahashi ha lanciato il suo marchio (e branding) traendo ispirazione da designer come la punk Vivienne Westwood e la stilista d'avanguardia Rei Kawakubo.

couturier japonais

Man mano che progrediva, questo famoso stilista ha creato la propria identità visiva concentrandosi sull'esplorazione degli opposti (in uno spirito unisex) e sulla rappresentazione di quella che è nota come l' estetica "Japanese Cool", specifica per i giovani designer del tempo. Mentre originariamente offriva abbigliamento punk classico come jeans strappati, camicie e abbigliamento in pelle, ora si è ampliato per includere una varietà di collezioni ben sviluppate, poiché le collezioni iniziali mancavano di dettagli e design.

Se hai già visto le sue sfilate, la praticità ti salterà all'occhio. Composizioni floreali sui volti delle modelle, giacche con rami, tutto questo non sembra proprio pratico per vestirsi o per la passerella ed è presente in ogni sfilata di questo stilista. Takahashi è molto più concettuale di quanto un fan del suo marchio, Undercover, possa pensare. I suoi giochi con i riferimenti culturali e le sue sperimentazioni sono solo alcuni dei motivi che hanno catturato l'attenzione di altri noti designer come Valentino.

I due hanno collaborato nel 2019, che potrebbe essere considerata una delle collaborazioni più innovative fino ad oggi, su ogni capo di abbigliamento. Tuttavia, le altre collaborazioni di Takahashi con vari marchi dimostrano che lo stilista può essere molto pratico. Le sue linee da corsa con Nike chiamate "Gyakusou", Supreme e Uniqlo Undercover, sono alcuni dei modelli più ricercati per lo streetwear di oggi. È particolarmente affezionato al mondo delle felpe streetwear ad esempio: un must have nel suo guardaroba accanto ai suoi completi.

Sneakers

Per non parlare delle misure estreme che ha adottato per realizzare il suo lookbook con tempo gelido per dimostrare la funzionalità dei suoi vestiti , lontani dal tradizionale kimono. Jun Takahashi ha deciso di smettere di creare abbigliamento femminile nel 2018 e di dedicarsi interamente alla moda maschile, senza che i suoi follower lo sostengano costantemente. Tutti questi pezzi indossati con comode sneakers streetwear, è stato in grado di colpire duro. Da allora Undercover ha portato l'avventura ben oltre, e non sembra che vedremo presto la fine del suo regno sulla scena dello streetwear (pezzi unici e prêt-à-porter).

2) Kenzo

Kenzo Takada è stato il primo stilista giapponese a conquistare Parigi. Anche se il trio d'avanguardia - Yamamoto, Kawakubo e Miyake - ha fatto una forte impressione nel mondo occidentale e nelle settimane della moda, è stato Kenzo a fare da apripista. Il mondo ha perso uno stilista rivoluzionario alla fine dell'anno scorso a causa del COVID-19, ma le sue impressioni sopravvivono attraverso le sue opere e il suo marchio, Kenzo. Questo stilista non è stato sottile riguardo alla sua ispirazione per i suoi design: noto per le sue esplosioni floreali, le silhouette a kimono e l'uso orgoglioso della trapuntatura, Kenzo era il ponte tra il tradizionale e il moderno.

Che si tratti di cappotti stampati, lingerie, vestiti come la gonna o la t-shirt . Non solo ha fatto conoscere il suo paese natale, ma è stato una figura di inclusione etnica e di interconnessione globale. Non aveva paura di incorporare l'artigianato tradizionale giapponese e altre caratteristiche nelle creazioni moderne. Kenzo è stato ispirato dai suoi viaggi. I suoi disegni sono stati principalmente influenzati dal folklore dell'Europa orientale e dai tessuti del Medio Oriente. Troviamo questo spirito di mescolanza anche nella moda streetwear attuale, come con questi pantaloni streetwear.

créatrice mode japonaise

A differenza di altri designer (e nuovi designer) della moda giapponese, Kenzo non ha mai avuto paura di usare i colori per esprimere le sue idee contemporanee, non ortodosse e geograficamente informate, in modo a volte glamour, a volte tradizionale. Per non parlare dello stile dei suoi vestiti, questo stilista ha sperimentato anche le scene. Così Kenzo ha trasformato le sue passerelle in una vera esibizione: le modelle ballavano ed era più uno spettacolo che una semplice sfilata di vestiti su modelle in movimento.

Anche se il suo marchio è ora nelle mani di Felipe Oliviera Baptisa, Kenzo non si è mai allontanato dall'essenza originale della narrazione, della globalizzazione e dell'affetto per i look tradizionali. Una volta ha detto: "La moda ha sempre il potere di unire, di unire le persone". Era il suo obiettivo numero uno fin dal primo giorno, e fino a quando non si è ritirato alla sua ultima sfilata nel 1999, siamo tutti d'accordo sul fatto che il marchio Kenzo sta ancora cercando di raggiungere ciò che il suo padre fondatore aveva pianificato di fare in primo luogo. I grandi couturier e le attuali tendenze della moda devono comportarsi bene!


3) Junya Watanabe

L'ultimo della nostra lista di stilisti giapponesi è Junya Watanabe. Watanabe porta l'avanguardia a un livello completamente nuovo. Anche più di altri prima di lui. Nato a Fukushima, ha seguito un percorso simile a quello di altri stilisti frequentando il Bunka Fashion College, poi recandosi a Parigi. Dopo la laurea, ha lavorato per Comme des Garçons, il marchio di Rei Kawakubo, di cui era il protetto non ufficiale. Ciò che colpisce del lavoro di Watanabe è il suo carattere fresco in tutte queste creazioni di abbigliamento.

Pantalon Streetwear

Gli altri prendono sempre ispirazione dalla cultura di altre persone o dalle cose che li circondano, ma questo stilista sembra creare sempre qualcosa di nuovo. La sua visione della moda porta tutti, e non solo gli addetti ai lavori, a rivalutare il proprio punto di vista sugli abiti, ma anche sulla pelletteria che li accompagna. I design Watanabe sono spesso strutturati utilizzando design high-tech realizzati con tagli e dettagli intricati.

A prima vista, sembra una mostra, ma se chiedi a Watanabe cosa sta cercando di fare con i suoi progetti, ti dirà che sta solo facendo il vecchio nuovo. È noto per chiamare trench, giacche da bici e simili "vestiti stupidi" per poi rielaborarli in nuove costruzioni sartoriali. Ci sono alcune presentazioni iconiche, ma una in particolare sarà ricordata per sempre.

créateur mode nippon

Durante una sfilata di haute-couture nel 1999, Watanabe ha presentato una collezione degna dei più grandi stilisti di moda, realizzata con tessuti invertiti per diventare impermeabili, come è stato dimostrato da un acquazzone isolato nel bel mezzo del parata. Si potrebbe dire che è estremamente modernizzato, ma Watanabe cita spesso il monozukuri quando parla del suo lavoro sartoriale. Questa parola si traduce in "artigianato", ma dice che è più di questo. Se scomponiamo la parola, monozukuri è una combinazione delle parole "cosa" e "fare": fare cose. Lo descrive come qualcosa di specifico della cultura giapponese e ne è orgoglioso.



Sembra che questi tre fashion designer giapponesi abbiano una cosa in comune: sono tutti estremamente orgogliosi delle loro origini e non esitano a mostrarlo nel loro lavoro per vestire tutti. Anche se, individualmente, hanno creato un'estetica per se stessi e reinventato l'industria della moda , sono rimasti collettivamente coerenti l'uno con l'altro. È una delle cose più giapponesi in circolazione. Puoi portare un giapponese fuori dal Giappone, ma non puoi mai portare il Giappone fuori da un giapponese.



Vedi articolo completo

Top 20 des Activites a Faire au Japon en Famille
Top 20 des activités à faire au Japon en famille

gennaio 18, 2022 11 minuti di lettura

Si vous prévoyez de partir au Japon en famille, jetez un œil à ces 20 activités. Vous allez ainsi passer un séjour japonais familial et inoubliable.
Squid Game 7 Animes Jeux et Films Japonais de Meme Genre
Squid Game : 7 animés, jeux et films japonais de même genre

gennaio 14, 2022 6 minuti di lettura

Si vous avez aimé la série Squid Game, découvrez sans plus attendre d'autres animés, jeux vidéos, séries et films japonais sur le thème des jeux de mort.
Petit Guide de Survie Pour Les Monstres Japonais de L Hiver
Petit guide de survie pour les monstres japonais de l'hiver

gennaio 06, 2022 5 minuti di lettura

Si vous désirez voyager au Japon pendant l'hiver, ou simplement vous renseigner sur la culture nippone, découvrez les monstres japonais liés à l'hiver.